La Deputazione di Storia Patria per le Venezie, fondata nel 1873, ha per statuto lo scopo di promuovere gli studi sulla «storia delle regioni veneta, tridentina, giulia ed adriatica e, per il periodo del dominio veneziano, delle province e dei luoghi che furono soggetti o formarono parte della Repubblica di Venezia».

La Deputazione è composta da 50 soci effettivi, da un numero illimitato di soci onorari e corrispondenti esterni (ossia non risiedenti nelle province venete) e infine da non più di 80 soci corrispondenti interni; di fatto il totale non supera i 200 membri. Presidente della Deputazione è il prof. Gian Maria Varanini, segretario il dott. Federico Pigozzo.

La sua sede è sempre stata a Venezia (dal 1981 le è stato destinato dalla locale amministrazione comunale un bel palazzetto secentesco a San Giacomo dell’Orio, non lontano dalla stazione ferroviaria e dall’Archivio di Stato), ma tradizionalmente – in omaggio alle sue competenze storico-geografiche – l’assemblea autunnale dei soci, la più solenne, si tiene ogni anno in una diversa località del Veneto.

La vita della Deputazione si può dire coincida con la sua attività editoriale. Organo ufficiale è il semestrale «Archivio Veneto», di cui sono disponibili gli indici dal 1871, anno di fondazione, sino al 1990.

Pubblica inoltre le collezioni Monumenti (dedicata alle fonti e ai documenti), Miscellanea e Biblioteca dell’Archivio Veneto (che ospitano monografie), importanti per gli studi concernenti la storia di Venezia. Ad esse si affiancano alcuni volumi fuori collana.

La Deputazione dispone di una biblioteca di circa 20.000 titoli, fra i quali sessantatré cinquecentine e duecentodiciotto secentine, e di un interessante parco periodici (alcune riviste sono possedute solo da questa biblioteca in tutta la regione).